L' Huffington Post   24. Agosto 2016

Sisma

Le stupide e vuote esternazioni del signor Tozzi sono lo specchio fedele del culturame di questa italia facilona e trasandata nella quale scuola, formazione, prevenzione e senso di responsabilità vanno di pari passo con la nullità della politica e l' inefficienza di tutte le istituzioni. Cosa c' entra una scossa di magnitudo 6 con uno stato avanzato soltanto un ciarlatone come il signor Tozzo deve saperlo. Il quale, oltre a non conoscere l' andamento della linea di contatto delle due piastre terrestri, la europea e la nordafricana, da geologo. che dovrebbe avere una minima conoscenza della Scienza delle costruzioni, non riesce a rendersi conto della consistenza dei muri portanti e divisori della maggior parte dei Comuni italiani, costitituiti da ciottolame inconsistente e non da conci squadrati, non posati su letti di malta e non eseguiti a regola d' arte (non lo potevano essere, considerata la loro vetustà), privi di di fondazioni con coperture alla rinfusa, etc.

Chi ancora oggi balbetta di centri storici italiani "gioelli" dovrebbe essere condannato col taglio delle palle che, legategliele alla bocca, dovrebbe essere portato in giro e sottoposto al ludibrio della gente. Già, i centri storici, tutti catoi miserabili dove muffe e umidità corrodono la salute degli abitanti e di questi la parte più sensibile ed esposta: i vecchi e i bambini. Tutto questo non ci deve sorprendere, poiché siamo in quella italia cretina con la meda dei <borghi più belli del mondo>, di ingegneri, architetti, geometri, geologi, maestranze, consigli nazionali e ordini regionali professionali in mano di disonesti venduti alla malapolitica per un piatto di lenticchie ed altri asini raglianti.

Tutti, indistintamente tutti, i sedicenti centri storici del cacchio italiano dovrebbero essere rasi al suolo ed al loro posto, sulla base di una seria Legge urbanistica "nazionale", di un avveduto Ordinamento sull' uso dei suoli e dei lotti edificabile, escludente ogni ricorso al disonesto <indice di cubatura> (come da noi, in Germania), di rigoroso Regolamenti edilizi "regionali" e Statuti urbani, in forza delle <prescrizioni> del Piano Particolareggiato (PP), come da noi (in Germania), nella chiara ed inequivocabile definizione di: allineamenti e tipologie tradali; tipologie urbanistiche (chiusa o aperta); tipologie edilizie residenziali con prevalenza della casa "a schiera" urbana nella tipicità del tessuto edilizio dominante nella città europea e, pertanto, nella città italiana con le sue variabili compositive in altezza; forma dei tetti; degli indici di superfici di suolo e di piano, etc., consentirebbe, oltre ad una culturalmente connotata <renovatio urbis>, la vostruzione "logica e razionale" (L.B. Alberti) della città.

Tutto questo dal punto di vista meramente formale, mentre per quanto attiene l' aspetto costruttivo, tenuto conto della classe sismica dominante (2) e della considerazione che le onde sismiche - sia che si tratti di sisma a carattere ondulatorio che sussultorio - assumono la massima intensità sulla superficie terrestre, irrinunciabile dovrebbe essere la prescrizione di: a. Piano cantinato con muri esterni e di controventatura interna, piastra di fondazione e soletta in conglomerato cementizio armato e con spessori minimi (piastra, muri e soletta) di 25 cm.; b. La separazione - dal piano di posa della piastra di fondazione fino alla sommità dell' edificio, delle unità immobiliari con il ricorso ad una fuga di 2,5 cm. riempita da un materassino di lana di roccia. Insomma "tutti" gli edifici di un comparto urbano "posati" alla stessa quota di cantinato. Per i piani sopraelevati la prescrizione dovrebbe contemplare le alternative: 1. Muri esterni e di controventatura interna in conglomerato cementizio armato dello spessore minimo di 20 cm. con rivestimento o "a cappotto" (isolamento termico e intonaco) o a cassetta (isolamento termico e paramento esterno di laterizio) o, in alternativa, pilastri in c.c.a. e interposta muratura "armata" in laterizio pesante o leggero; solai intermedi in c.c.a. e non in latirizio e travetti, sovrastante materassino per l' assorbimento dei rumori di calpestio, massetto di 4-5 cm., pavimento (moquetta, parquet, laminato, piastrelle ceramiche, etc.). Infine orditura del tetto in travetti di legno impregnati e controventati, isolamento termico, impermeabilizzazione, manto di copertura. Tutto, naturalmente, in somme linee nella premessa di vietare la progettazione ed esecuzione dei lavori rispettavimente a sedicenti architetti, ingegneri e geometri e capimaestri di formazione made in italy.

Conclusio: serie Scuole di Architettura e Ingegneria, Istituti tecnici per Geometri, abolizione del titolo cretino di "dottore", Scuole di formazione professionale per capi-maestri ed operai specializzati, instancabile ricerca edilizia con punti di forua industrializzazione e prefabbricazione di elementi, come da noi, in Germania, e Svizzera.

E la classe politico-dirigente ? Al cappio o, in alternativa, alla cogna.

Nicolo Piro

Dipl. -Architekt

GERMANIA

www.facebook.com/nicolo.piro.31

www.lapiazza-oce.org

Categoria: Politica

www.paa-teorico.eu

Matteo Renzi, il centro, la periferia, il referendum e la carica dei 2 5 8. La star naz. le d' A., Renzo Piano, declina centro e periferia, dimentica la e non ci racconta nulla sui processi di esplosione, implosione e contrazione della città. Che, forse, non passano nella sua centrìfuga o è meglio occuparsi di musei e grattacieli ? . . . Siamo alla cretina prova di forza di un “pupo“, ispiratore e guida della italiana dai cervelli all' ammasso del culturame del SI che va a marcire nella fetida palude del catto-sinistrume targato Pci-Pd. Speriamo che dall' altro fronte, quello del NO, venga fatto tesoro del saggio latino , almeno per rispetto di quel pochissimo ch' è rimasto dell' Italia seria e pulita. Pensando al sedicente popolo sovrano al quale alcun scimmione di destra, di centro e sinistra ha chiarito il nocciolo della questione ho i miei seri dubbi. In breve e chiara sintesi: „cosa“ deve essere riformato della carta dei tanti di quella seconda Repubblica (si ricorda cha la "Prima" ed unica è stata la Repubblica Sociale Italiana, R.S.I., con la sua Carta concepita e formulata semplicemente dai due protagonisti : Benito, Andrea, Amilcare MUSSOLINI e Carlo Alberto BIGGINI) che viene calpestata, imbrattata, vilipesa quotidianamente da ben 70 anni al dicembre 2017 ? Che vergogna ! Si . . . ma vergogna di „che“ . . . che tra i candidati alla sindacatura di Roma c`è un condannato per furto di bandiera, mentre al Quirinale "posa" il figlio di un co-mandante della prima strage di antistato - strangolatore del giovane Stato appena nato (morto) al quale in segno di riconoscimento il regime democratico fa intitolare una via di Bagheria (Via Bernardo Mattarella) nel silenzio ipocrita di figli e nipoti -, e nipotino di uno dei più quotati casati dell' alta mafia siciliana ? O che a sostenere il malgoverno del pupo, estensore della lista dei 258 Proff., Ordinari ed Emeriti, in società con i cambiacasacca del NCD, prima abbiamo visto quel soggetto del quale nel 1983, la Guardia di Finanza, nell' ambito di una inchiesta sul traffico di droga mette sotto controllo i telefoni e in una relazione scrive che “il noto Silvio Berlusconi finanzierebbe un intenso traffico di stupefacenti dalla Sicilia, sia in Francia che in altre regioni italiane. Il predetto sarebbe al centro di grosse speculazioni edilizie e opererebbesulla Costa Smerald avvalendosi di società di comodo ...“, il cui nome era già comparso nell' indagine “Pizza Connection“ sul traffico di droga tra Italia e Stati Uniti avviata il 12 luglio 1979, per essere ricordato nel '91 nel contesto del fallimento a Lugano dell' operazione Mato Grosso, una grossa operazione di riciclaggio di denaro sporco con coinvolgimento della Fininvest per la costruzione della città “Nova Atlantida“ a 3000 km. a nord di Rio de Janeiro, che alla fine si concluse con la consegna all' uscita dell' autostrada per Como di 8 milioni di vecchie lire da parte del padre leghista del , Roberto Calderoli, all' ex commissario Fausto Cattaneo, affinché in Brasile indagasse sugli sporchi affari dell' evasore fiscale e puttaniere d' alto rango, collega del regista Roman Polanski: Silvio Berlusconi ? Fesserie . . . bezzecole di questa italy dell' eterna : di un Andreotti che muore e di un Berlusconi che viene e giura fedeltà alla Repubblica (si, delle banane), nei piedi del suo, “tutto suo“, presidente di turno il quale, a conoscenza del passato del "soggetto", invece di mandarlo a Regina del cielo o a Re della bibbia, lo riceve con tutti gli onori nella sua regia, lo fa firmare circondato da generali e corazzieri e dopo il coronamento di applauso finale, lo lascia malgovernare per alcuni anni. Ora l' assistente del “pupo“, estensore della lista dei 258 Proff., Ordinari ed Emeriti, è un' altro cambiacasacca, ma "alato": ex macellaio, poi laurea in scienze politiche e "dott." commercialista, assistente di storia delle dottrine economiche (ho sempre saputo che l' econonomia disponesse di teorie, giammai di una "dottrina" o di una "mistica"), cultore di storia economica e, infine, studioso di banca e moneta (insomma uno dei tanti cervelli di questa italy), saltimbanchiere tra PRI e FI, esperto di "patti", coinvolto in processi per violenza sessuale e molestie telefoniche - dai quali, però, esce candido come un giglio di Sant' Antonio per il quale fatale fu una fredda sera d' inverno allorché ritornando a casa cum pedibus mette il piede destro (quello sinistro gli servirà più tardi per entrare nel paradiso nazareno del catto-sinistrume) su una buccia di banana e . . . parapuffita e nesci fora . . . e l' alato si trova col culo a terra in un intorno di casi e casini (veramente degni del suo ex padroncino tradito, ma ancora a piede libero) dai quali ne esce fuori per il rotto della cuffia con la condanna del 17 marzo u.s. a 2 anni di reclusione con pena sospesa per concorso in corruzione. Ma tant' è. E il pupo, bischero e sciacallo, cosa fa ? Si dimena e, dopo aver giocato a fotticompagno col paupero Letta jr., se la prende con i rinnegati comunisti a guida del cadavere ambulante Bersani i quali per ragioni di comoda sopravvivenza lo lasciano navigare in bonaccia, cioè in assenza di venti e tranquillità del mare che, poi, non così tranquillo e generoso è verso i migranti. Come un capriolo selvatico e nel ruolo che fu di Mercurio, il postino degli dei del vecchio Olimpo, il “pupo“ saltella tra un capo e l' altro del primo, secondo e terzo mondo, promette il prossimo G7 in Sicilia, terra del "suo", tutto "suo" pdR. (l' ha imposto lui chissà se per incarico della consueta e disonesta maggioranza politico-parlamentare o per volontà di una potente, quanto invisibile, ), elargisce "boni", corre da Obama, abbraccia Hollande, scherzeggia con , nomina generali agli alti comandi. E il suo, “tutto suo“, ministro Graziano Del(i)rio, dopo l' apparizione di entrambi in Sicilia per la consegna alla deputata e sindaca di Pollina Pd (doppio mandato, alla faccia della pulizia nella politica che il “pupo“ sputa ad ogni piè sospinto !) del Viadotto Himera rifatto (chissà quanti i controlli dei conglomerati prescritti da una legge fascista e i collaudi in corsa d' opera e finali di tutte le categorie dei lavori i cui verbali sono stati consegnati in copia al ministro !) ? Assente nel , ma giustificato, poiché alle prese con il recupero a-sociale delle periferie, grazie all' impiego di potenti “centrifughe" per separare quei - che, per la star nazionale di Architettura, Renzo Piano (bravo per progettare e costruire grattacieli, musei e centri direzionali, ma insensibile – lo è stato sempre - ai problemi dell' abitare) sono le periferie – dai caratteri veri che dovrebbero connotarle e che, poi, altro non sono (e dovrebbero essere) che le premesse ad un vivere civile a scala di dignità umana, con parchi e giardini, parcheggi d' auto nelle vicinanze delle dimore, valorizzazione di interstizi urbani, ricuciteri di tessuti malandati, riduttori della velecittà a 30 km/h, difesa da inquinamento acustico da traffico motorizzato e da inquinamento atmosferico da riscaldamento domestico incontrollato, etc.; insomma non soltanto biblioteche (come quelle che ci sono e c' è a San Giuseppe Jato, dove è nata (?) una biblioteca scolastica aperta al territorio in un luogo apparentemente (meno male !) vuoto di tutto, tra l' altro bellissima, ha vomitato ieri su L' Huffington Post una certa Della Passarelli, Direttrice Editoriale Sinnos Editrice), ma anche scuole e centri scolastici (costruiti bene e sulla base di concorsi di progettazione nazionali e internazionali, come da noi in Germania), scuole della musica e della danza (come quelle che dovrebbero essere e funzionare già nei centri urbani), ambulatori di prima mano, ritrovi per anziani, etc. Oh, com' è attuale quel passo di Isaia (40, 3) che recita: Vox clamantis in deserto: In deserto parate viam Domini . . . : arrivano i nostri: Mattarella, Renzi, Verdini, i 258 Proff., Ordinari ed Emeriti, Renzo Piano, comunisti e bambini ! SI al referendum e l' italy è salva. www.facebook.com/nicolo.piro.5 www.lapiazza-oce.org Categoria: Politica

Etica e Legalità nel lavoro di . . . architetto

L' Ordine degli Architetti di Palermo <cogita, ergo est> e cogita a cavallo dell' ippogrifo volando verso l' isola dell' utopia per piantarvi la bandiera con la scritta: "Etica e legalità nella professione di architetto". L' occasione che ha coinvolto Ordine e Scuola Politecnica in un volo ad alta quota è nientepocodimenoche il 24° anniversario della strage di Capaci che fa dire al presidente dell' Ordine di "Ragionare su etica e legalità nella nostra professione (per) significa(re a) lavorare per creare argini concreti alla criminalità organizzata ed anche all' antimafia di facciata emersa con forza in questi ultimi mesi". Cosa dell' altro o del terzo Mondo, proprio in una città-necropoli, Palermo, nelle e sotto le cui fondazioni - chissà, anche grazie alle manine che muovevano squadra, lineale, matita e compasso degli architetti (non tutti, per fortuna) e del culturame (urbatettonico) indigeno - nessuno riuscirà mai a svelarci il numero delle vittime di mafia e malapolitica (democristiana) che vi hanno trovato la pax aeterna.

L' Huffington Post    01. Giugno 2016

Matteo Renzi, il centro, la periferia, il referendum e la carica dei 2 5 8

Siamo alla cretina prova di forza  di un “pupo“, ispiratore e guida della <intellighentia nova>  italiana dai cervelli all' ammasso del culturame del SI che va a marcire nella fetida palude del catto-sinistrume targato Pci-Pd. Speriamo che dall' altro fronte, quello del NO, venga fatto tesoro del saggio latino <silentium est aurum>, almeno per rispetto di quel pochissimo ch' è rimasto dell' Italia seria e pulita. Pensando al sedicente popolo sovrano al quale alcun scimmione di destra, di centro e sinistra ha chiarito il nocciolo della questione ho i miei seri dubbi. In breve e chiara sintesi: „cosa“ deve essere riformato della carta dei tanti <padri e madri>di quella seconda Repubblica (si ricorda cha la "Prima" ed unica è stata la Repubblica Sociale Italiana, R.S.I., con la sua Carta concepita e formulata semplicemente dai due protagonisti : Benito, Andrea, Amilcare MUSSOLINI e Carlo Alberto BIGGINI) che viene calpestata, imbrattata, vilipesa quotidianamente da ben 70 anni al dicembre 2017 ?